American Dream
07.10.2017 - 10.12.2017

La locuzione “American Dream” è stata utilizzata per la prima volta dallo storico americano James Truslow Adams nel suo libro The Epic of America, pubblicato nel 1931. Nel periodo in cui gli Stati Uniti erano nel pieno della cosiddetta Grande Depressione, James Truslow Adams ha usato questa espressione per descrivere le complesse convinzioni, le promesse religiose e le aspettative politiche e sociali del popolo americano.

La mostra raccoglie immagini suggestive di importanti autori internazionali appartenenti alla collezione privata di Rosella e Philip Rolla (tra cui Robert Adams, Lewis Baltz, Richard Benson, Margaret Bourke-White, William Eggleston, Steve Fitch, Lee Friedlander, Frank Gohlke, Anthony Linck, Ezra Stoller, Hiroshi Sugimoto, Henry Wessel) che raccontano lo sviluppo socio-economico e culturale dell’America dagli anni ‘50 fino ai nostri giorni.

Il catalogo contiene un testo di Christian Marazzi in conversazione con Philip Rolla che racconta alcune esperienze personali raccolte durante il periodo della sua formazione alla Santa Clara University.

La mostra American Dream fa parte del programma di Bi10 Biennale dell'immagine - Borderlines. Città divise/Città plurali.

Lee Friedlander
Cody Wyoming, 2000
gelatin silver print
37.6 x 37.2 cm

CATALOGO
OPERE
ARTISTI
IMMAGINI DELL'INSTALLAZIONE
Anthony Linck

È stato un fotografo della rivista Life dal 1945 al 1954. I suoi due grandi amori sono stati volare e fotografare. Ha lasciato Life per diventare un fotografo freelance specializzato principalmente in fotografia aerea e industriale.
Christopher Morris

Fotoreporter noto soprattutto per le sue fotografie documentaristiche di conflitti, è stato fotografo della Casa Bianca, fotografo di moda e regista. Ha ricevuto numerosi premi, tra cui la Medaglia d'oro Robert Capa, il Premio Olivier Rebbot e l'Infinity Award per il fotogiornalismo dell'International Center of Photography. Morris è membro fondatore dell'agenzia fotogiornalistica VII di New York. Vive a Vancouver, in Canada.
Ezra Stoller

Ezra Stoller è nato a Chicago ma è cresciuto a New York e ha studiato architettura alla NYU. Da studente ha iniziato a fotografare edifici, modelli e sculture; nel 1938 si è laureato in Disegno Industriale. Nel 1940-1941, Stoller ha lavorato con il fotografo Paul Strand presso l'Office of Emergency Management; nel 1942 è stato arruolato e ha lavorato come fotografo presso l'Army Signal Corps Photo Center. Dopo la seconda guerra mondiale, Stoller continuò la sua carriera di fotografo di architettura e si concentrò anche su commissioni industriali e scientifiche.
Frank Gohlke

Frank Gohlke è un fotografo americano di paesaggi. È stato premiato con due borse di studio Guggenheim, due borse di studio del National Endowment for the Arts e una borsa di studio Fulbright. Gohlke è stato uno dei dieci fotografi selezionati per partecipare a "New Topographics: Photographs of a Man-Altered Landscape", la storica mostra del 1975 al Museo Internazionale della Fotografia della George Eastman House.
George Tice

Il suo lavoro si è sempre concentrato sul paesaggio americano. Ha iniziato a fotografare all'età di 14 anni, quando si è iscritto al Carteret Camera Club. Ha studiato brevemente fotografia commerciale alla Newark Vocational and Technical High School. A sedici anni lascia la scuola per lavorare come assistente di camera oscura in uno studio di ritratti di Newark. Un anno dopo si arruolò nella Marina degli Stati Uniti, prestando servizio come ufficiale fotografo. Nel 1959, una sua immagine pubblicata di un'esplosione a bordo della USS Wasp attirò l'attenzione del fotografo Edward Steichen che, in qualità di direttore della fotografia del Museum of Modern Art, acquistò la stampa per la collezione del museo. Particolarmente noto come maestro stampatore, Tice stampò per artisti come Edward Steichen, oltre a stampare i portfolio di artisti come Frederick H. Evans e Edward Weston.
Henry Wessel

Wessel si avvicinò alla fotografia quasi per caso durante gli anni della Pennsylvania State University, ma ne rimase subito affascinato. Inizia a fotografare seriamente nel 1967, ispirato dal lavoro di Wright Morris, Robert Frank e Garry Winogrand, e nel 1971 ottiene una borsa di studio Guggenheim per documentare il paesaggio che fiancheggia il sistema autostradale americano, un terreno un tempo naturale profondamente trasformato dalla presenza umana. Negli anni Settanta Wessel fa parte di una generazione di artisti che sfidano e ampliano le categorie della fotografia paesaggistica e documentaristica, rinunciando alla visione tradizionale della natura incontaminata a favore di rappresentazioni dirette e personali dell'ambiente costruito.
Hiroshi Sugimoto

Hiroshi Sugimoto è un fotografo e artista giapponese. Uno dei più importanti esponenti della fotografia contemporanea, rappresentante di una fotografia seriale ispirata all'arte minimalista e concettuale nella tradizione della sobrietà e della semplicità orientali. Noto per il suo rigore nel riprodurre stampe minuziose in bianco e nero che realizza con una tecnica accurata e sofistificata preparando artigianalmente le emulsioni fotografiche che espone con tempi e metodi, diversi ed esclusivi. Vive tra Tokyo e New York.
Lewis Baltz

Ha studiato all'Istituto d'Arte di San Francisco e ha conseguito un MFA presso la Claremont Graduate School nel 1971. Ha lavorato come fotografo freelance in California e ha insegnato fotografia presso varie istituzioni. Il suo lavoro è stato incluso in importanti mostre, tra cui New Topographics alla George Eastman House nel 1975. Ha prodotto fotografie in serie incentrate su un particolare tema o area geografica e di solito le ha pubblicate in forma di libro.
Lee Friedlander

Lee Friedlander ha iniziato a fotografare il paesaggio sociale americano nel 1948. Grazie alla capacità di organizzare una vasta quantità di informazioni visive in composizioni dinamiche, Friedlander ha realizzato immagini umoristiche e toccanti tra il caos della vita cittadina, il fitto paesaggio naturale e innumerevoli altri soggetti. Friedlander è noto anche per un gruppo di autoritratti iniziati negli anni Sessanta, riprodotti in Self Portrait, un'esplorazione che ha ripreso alla fine degli anni Novanta.
Margaret Bourke-White

Inizia a scattare fotografie industriali a vent'anni e ha un'incredibile forza di volontà, un'ossessione per la perfezione e un grande desiderio di misurarsi non solo con la fotografia ma anche con soggetti insoliti per le donne: il mondo industriale, l'attualità, i reportage sull'America e la contemporaneità Nel 1929, giunta a un bivio professionale, si reca a New York per lavorare al lancio della rivista Fortune e, nel 1935, della rivista Life. È stata la prima fotografa occidentale a cui è stato permesso di entrare in URSS per scattare fotografie. Divenne la prima corrispondente di guerra donna della Seconda guerra mondiale e nel 1941 divenne la fotografa ufficiale della U.S. Army Air Force.
Putnam & Valentine Putnam & Valentine

Putnam e Carlton Valentine furono fotografi commerciali a Los Angeles dal 1895 fino agli inizi del XX secolo. I Putnam erano due, John R. e suo figlio Arion.
Richard Benson

Richard Mead Atwater Benson è stato un fotografo, stampatore ed educatore americano che ha utilizzato tecniche di elaborazione fotografica del passato e del presente. È forse il più noto per le sue innovazioni nelle tecniche di stampa fotografica offset e, successivamente, di stampa a getto d'inchiostro. Ha ricevuto due borse di studio Guggenheim e una borsa di studio MacArthur. Le sue opere sono conservate nelle collezioni del Los Angeles County Museum of Art, del Metropolitan Museum of Art, del San Francisco Museum of Modern Art e del Whitney Museum of American Art.
Robert Adams

Fotografo americano che si è concentrato sul cambiamento del paesaggio dell'Ovest americano registrandolo in oltre cinquanta libri. Il suo lavoro è diventato famoso a metà degli anni Settanta grazie al libro The New West (1974) e alla partecipazione alla mostra New Topographics: Photographs of a Man-Altered Landscape nel 1975. Ha ricevuto due borse di studio Guggenheim, una borsa di studio MacArthur, il premio fotografico Deutsche Börse e il premio Hasselblad. Vive con la moglie Kerstin ad Astoria, Oregon, Stati Uniti D'America.
Steve Fitch

Dopo essersi laureato in antropologia presso l'Università della California a Berkeley nel 1971 e aver insegnato fotografia presso l'ASUC Studio del campus di Berkeley, ha iniziato a lavorare ad un progetto sul paesaggio ai bordi delle autostrade americane. Ha ricevuto due borse di studio del National Endowment for the Arts per contribuire al completamento di questo progetto, una nel 1973 e l'altra nel 1975. Alla fine le fotografie sono state pubblicate nella monografia Diesels and Dinosaurs nel 1976.