Her
24.11.2012 - 31.01.2013

In occasione di Bi8, Ogni sguardo un passo, ottava Biennale dell’Immagine, la Fondazione Rolla propone una mostra collettiva, Her, composta da una selezione di opere appartenenti alla Collezione Privata di Rosella e Phil Rolla.


Le fotografe indagano diversi temi quali il ritratto, l’archeologia industriale, lo still life, le architetture, i paesaggi. La collettiva abbraccia uno spazio temporale di più di un secolo partendo da un’albumina del 1874 di Julia Margaret Cameron fino alle immagini più recenti di Vera Lutter e Dodo Jin Ming.

Elenco delle autrici: Hilla Becher, Ruth Bernhard, Edith Bodenstein, Margaret Bourke-White, Julia Margaret Cameron, Elisabeth Chiles, Lynn Davis, Rineke Dijkstra, Flor Garduño, Ruth Hallensleben, Elisabeth Hase, Roni Horn, Dodo Jin Ming, Germaine Krull, Dorothea Lange, Susi Lindig, Vera Lutter, Anna Meschiari, Lucia Moholy, Catherine Opie, Francesca Woodman.

Francesca Woodman
Untitled, 1980
gelatin silver print
22.1 × 19.8 cm

CATALOGO
OPERE
ARTISTI
IMMAGINI DELL'INSTALLAZIONE
Anna Meschiari

Ha studiato fotografia all'École supérieure d'arts appliqués di Vevey. Dal settembre 2008 al 2012 ha vissuto a Berlino dove ha studiato con il fotografo Jonas Maron alla Ostkreuzschule für Fotografie. Dal 2009 al 2012 ha studiato Design della comunicazione presso l'Università di Scienze Applicate di Berlino e ha lavorato come fotografa e designer freelance. Nel 2012, insieme ad altri 11 fotografi, ha fondato exp12, una galleria di fotografia contemporanea a Berlino. Vive e lavora a Saint-Pierre-de-Trivisy, Francia.
Catherine Opie

Ha studiato al San Francisco Art Institute e al California Art Institute (CalArts) di Valencia in California, e ha insegnato alla Yale University. Attualmente insegna fotografia all'Università della California a Los Angeles. Ha fotografato la comunità gay e lesbica di San Francisco, i surfisti in attesa delle onde, i pescatori del lago ghiacciato del Minnesota e giocatori di football. Nel 1995, dopo che la sua serie Portraits è stata esposta alla biennale del Whitney Museum di New York, ha deciso di intraprendere un percorso artistico diverso e mettere da parte i ritratti per immortalare le autostrade di Los Angeles.
Vive a Los Angeles, California, USA.
Dodo Jin Ming

Per molti anni è stata violinista professionista. Si è formata alla Royal Academy of Music e successivamente alla Hong Kong Academy for Performing Arts. Nel 1992, non essendo mai stata a una mostra d'arte, ha visto un'esposizione di opere di Joseph Beuys ed è rimasta così colpita da ciò che ha visto che ha abbandonato il violino ed è diventata una fotografa autodidatta. Crea straordinarie immagini in bianco e nero che trasportano lo spettatore su un precipizio che sta per essere sommerso dalle onde. Le immagini vengono stampate dalla combinazione di due negativi, uno dell'oceano e l'altro del cielo, intensificando la potenza delle onde impetuose sotto un cielo inghiottente.
Dorothea Lange

Nel 1902, all'età di sette anni, una grave forma di poliomielite le indebolisce la gamba destra. Con grande motivazione decide di studiare fotografia a New York con Clarence White. Nel 1918 sposa a San Francisco il pittore Maynard Dixon da cui avrà due figli. Stimolata e aiutata da un clima sociale di assoluto interesse documentaristico, aderisce formalmente al movimento della straight photography. Nel 1935 divorzia da Dixon e sposa l'economista Paul Schuster Taylor, che contribuisce ai suoi reportage fotografici con interviste, raccolta di dati e analisi statistiche. A partire dal 1947 collabora con l'agenzia Magnum e nel 1952 è cofondatrice della rivista Aperture.
Edith Bodenstein

Edith Bodenstein è stata una fotografa professionista attiva a Vienna negli anni Trenta, lavorando soprattutto per l'azienda di design Wiener Werkstätte, fondata nel 1903 da Josef Hoffmann, Koloman Moser e un banchiere/finanziere/collezionista d'arte di nome Fritz Waerndorfer.
Elizabeth Chiles

Elizabeth Chiles Austin, Texas, USA. Laurea in Storia dell'arte, Columbia University, New York. Master in Fotografia d'Arte, San Francisco Art Institute. Ha partecipato a numerose mostre collettive, tra cui "Women and their Work", alla Biennale del Texas del 2011.
Elisabeth Hase

Era una fotografa professionista e documentarista. Nel 1923 si trasferisce a Francoforte dove studia tipografia e grafica commerciale alla scuola d'arte e alla Städelschule con gli artisti Paul Renner e Willi Baumeister. Nel 1932 diventa fotografa indipendente. I suoi soggetti preferiti erano le nature morte, i ritratti e gli autoritratti. Nel 1944, nonostante i bombardamenti su Francoforte, riuscì a salvare i suoi archivi, ma non la sua attrezzatura tecnica. Con l'aiuto di amici che le regalarono alcune attrezzature, riuscì a riprendere il suo lavoro e si interessò alla documentazione della città vecchia distrutta e alla ricostruzione della chiesa di San Paolo.
Francesca Woodman

Nonostante la sua breve vita, Francesca Woodman è stata un'artista influente e importante del XX secolo. Ha scoperto la fotografia giovanissima, sviluppando le sue prime fotografie a soli 13 anni. Francesca Woodman è cresciuta in una famiglia di artisti. Suo padre George era pittore e sua madre Betty una ceramista. Trascorse molti anni e molte delle sue vacanze estive a Firenze, dove frequentò la seconda elementare e prese lezioni di pianoforte. Appare in molte delle sue fotografie e il suo lavoro si concentra principalmente sul suo corpo e su ciò che lo circonda.
Germaine Krull

È stata una fotografa professionista, documentarista di guerra e attivista politica. Ha studiato fotografia alla Bayerische Staatlehranstalt Lichtbildwesen di Monaco, in Germania, dal 1916 al 1918. Negli anni Venti lavorò per la causa comunista, prima in Baviera, poi a Berlino e successivamente in Russia, e in seguito, durante la Seconda guerra mondiale, lottò contro i nazisti in Africa, Europa ed Estremo Oriente. La sua nazionalità è stata classificata come tedesca, polacca, francese e olandese, e ha vissuto anche in Brasile, nella Repubblica del Congo, in Thailandia e in India.
Hilla Becher

Hilla (Wobeser) si appassiona alla fotografia in giovane età grazie alla madre e allo zio, entrambi fotografi professionisti. Nel 1951 diviene apprendista di Walter Eichgrun, un noto fotografo, e allo stesso tempo frequenta, come aveva già fatto la madre, la scuola di fotografia al Lette-Verein di Berlino. Durante il lavoro con Eichgrun, Hilla esegue diversi incarichi come freelance e dimostra un forte interesse nella fotografia industriale. Diviene fotografa professionista nel 1954. Nel 1957 si trasferisce ad Amburgo e si iscrive all'Accademia di Düsseldorf, dove incontra lo studente di pittura Bernd Becher. Hilla gli insegna fotografia e insieme realizzano il loro primo reportage fotografico nella regione della Ruhr dove era situato un enorme impianto siderurgico. Nel 1961 si sposano e cominciarono a lavorare come fotografi per l'agenzia pubblicitaria Troost di Düsseldorf.
Julia Margaret Cameron

Julia Margaret Pattle. Figlia di James Pattle, ufficiale britannico della Compagnia britannica delle Indie orientali, e di Adeline de l'Etang, discendente di aristocratici francesi. Julia Margaret Pattle fu una fotografa inglese, esponente del pittorialismo. Visse in India e in Francia e in seguito, con il marito e i sei figli, si stabilì a Wight, in Inghilterra. La sua passione per la fotografia iniziò a svilupparsi solo nel 1863. Si dedicò principalmente a ritratti e illustrazioni allegoriche di racconti e romanzi. Le sue immagini incorporano l'atmosfera sognante dell'epoca vittoriana, con un leggero effetto di sfocatura che conferisce ai suoi ritratti di bambini e di donne immerse nella natura una qualità eterea.
Lucia Moholy (Schulz)

Lucy Schulz nacque durante gli ultimi anni dell'impero austro-ungarico, in una famiglia ebrea non praticante, nel quartiere di Karlín a Praga, un'enclave di lingua tedesca. È stata una fotografa e scrittrice, definita "la fotografa del Bauhaus", per aver documentato tra il 1924 e il 1928 l'architettura degli edifici (esterni ed interni) delle sedi di Weimar e Dessau, gli oggetti di design realizzati nei laboratori della scuola e i loro maestri e produttori, interpretati attraverso l'estetica della Neue Sachlichkeit (Nuova oggettività), una corrente dell'avanguardia fotografica tedesca. Nell'aprile 1920 Lucia Shultz, conobbe László Moholy-Nagy (1895-1946), un giovane artista emigrato dall'Ungheria, con cui condivise l'impegno pacifista, l'estetica espressionista e l'attivismo nella sinistra radicale.
Lynn Davis

Vive a Hudson, New York, USA. Ha studiato all'Università del Colorado dal 1962 al 1964 e all'Università del Minnesota dal 1964 al 1966. Nel 1970 ha conseguito il Bachelor of Fine Arts presso il San Francisco Art Institute. Nel 1974 inizia la sua carriera come apprendista di Berenice Abbott. Dopo aver visitato la Groenlandia nel 1986, dove ha fotografato gli iceberg, ha abbandonato la fotografia di forme umane e ha concentrato il suo obiettivo sui paesaggi monumentali e sulle icone culturali e architettoniche per le quali è diventata famosa.
Margaret Bourke-White

Inizia a scattare fotografie industriali a vent'anni e ha un'incredibile forza di volontà, un'ossessione per la perfezione e un grande desiderio di misurarsi non solo con la fotografia ma anche con soggetti insoliti per le donne: il mondo industriale, l'attualità, i reportage sull'America e la contemporaneità Nel 1929, giunta a un bivio professionale, si reca a New York per lavorare al lancio della rivista Fortune e, nel 1935, della rivista Life. È stata la prima fotografa occidentale a cui è stato permesso di entrare in URSS per scattare fotografie. Divenne la prima corrispondente di guerra donna della Seconda guerra mondiale e nel 1941 divenne la fotografa ufficiale della U.S. Army Air Force.
Rineke Dijkstra

Vive ad Amsterdam, in Olanda. Ha studiato alla Rietveld Academie di Amsterdam dal 1981 al 1986. Le sue fotografie a colori di grandi dimensioni di soggetti giovani, spesso adolescenti, ricordano la pittura olandese del XVII secolo. Si concentra su ritratti singoli, generalmente realizzati in serie. I suoi soggetti sono di solito fotografati in piedi davanti all'obiettivo con uno sfondo minimo. I pochissimi dettagli presenti nelle sue fotografie ci incoraggiano a concentrarci sullo scambio tra la fotografa e il suo soggetto. Fragilità e vulnerabilità sono temi importanti nella sua ricerca.
Roni Horn

Vive a New York. Nel 1975 ha conseguito il Bachelor of Fine Arts (BFA) con lode presso la Rhode Island School of Design e nel 1978 ha ottenuto una borsa di studio presso l'Università di Yale. Inizialmente è stata influenzata dalla scuola minimalista, propugnata da Donald Judd, dalla quale ha poi preso le distanze, sviluppando una ricerca personale incentrata sui temi del tempo e dell'identità. È artista e scrittrice. La sua arte comprende scultura, disegno, fotografia, linguaggio e installazione.
Ruth Bernhard

Figlia di Lucian Bernhard, uno dei più famosi pubblicisti tedeschi. Nel 1927 emigrò a New York con il padre, dove inizia la sua carriera fotografica. All'inizio del decennio successivo collabora con la rivista newyorkese Delineator, che le fornisce i mezzi per acquistare una macchina fotografica. L'incontro con Edward Weston segna la svolta della sua carriera. Dal punto di vista estetico, era considerata una maestra nel fotografare il nudo in bianco e nero.
Ruth Hallensleben

Tra il 1931 e il 1934 trova impiego come praticante presso Elsbeth Gropp, famosa fotografa ritrattista e paesaggista. Nel 1934 apre il suo studio. Dopo una iniziale formazione di ritrattista, si dedica alla fotografia industriale. Il suo lavoro, oltre che visione poetica e prova tecnica, è una testimonianza del periodo storico in cui ha vissuto, la Germania del XX secolo. Poco spazio è lasciato all’individualismo, in nome di una visione più globale. Nel 1945, nel timore che gli alleati confischino la sua attrezzatura fotografica e l’archivio, seppellisce in tre casse tutto il materiale nel bosco di Wiehl. Dopo tre anni, due delle tre casse sotterrate sono intatte e lei può ricominciare la sua attività di fotografa.

Susi Lindig

E' cresciuta in una famiglia di fotografi, nel Canton Turgovia.
Dal 1991 lavora come fotografa free-lance per istituzioni sociali, centri di formazione professionale, agenzie pubblicitarie e aziende private. Vive a Zurigo.
Vera Lutter

Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Monaco e alla MFA School of Visual Arts di New York. Le fotografie di Vera Lutter sono uniche e irriproducibili, perché, invece di una macchina fotografica standard, trasforma una stanza delle dimensioni di una Il formato della carta fotografica e la sua granulosità sono il risultato di una sperimentazione audace e personale. Il formato della carta fotografica e la sua granulosità sono il risultato di una personale e coraggiosa sperimentazione di tecniche fotografiche tradizionali. È riuscita a prolungare la durata dell'impressione sulla pellicola fotosensibile tenendo aperto l'obiettivo della macchina fotografica. Tenendo aperto l'obiettivo della fotocamera per ore, giorni o addirittura settimane. Vive a New York City.

Julia Margaret Cameron
Guinevere, 1874
albumen print
36.7 × 27.5 cm

 

Dorothea Lange
Portrait of Albert Ekus,Composer, 1932
gelatin silver print
12.1 × 17.5 cm

Dorothea Lange
Jonathan Ekus, 1932
gelatin silver print
17.4 × 14.6 cm

Dorothea Lange
Untitled, 1926
gelatin silver print
14.3 × 17 cm

Ruth Bernhard
Victorian nude, 1967
gelatin silver print
25.4 × 18.4 cm

Francesca Woodman
Untitled, 1980
gelatin silver print
22.1 × 19.8 cm

Rineke Dijkstra
Maya, Induction-Centre Tel
Hashomer, Israel, April 12 1999
c-print
91.5 × 73.5 cm

Rineke Dijkstra
Maya, Herziliya, Israel,
November 29 1999
c-print
91.5 × 73.5 cm

Ruth Hallensleben
Untitled, 1938
gelatin silver print
22.4 × 17 cm

Ruth Hallensleben
Untitled, 1954
gelatin silver print
17.6 × 21 cm

Ruth Hallensleben
Wellblechgarage, 1950s
gelatin silver print
29.1 × 21 cm

Ruth Hallensleben
Inneres eines modernen Kühlturmes, 1957
gelatin silver print
23.1 × 17.6 cm

Germaine Krull
Kran im Hafen Von Rotterdam, 1923
gelatin silver print
25.1 × 17 cm

Hilla Becher
Deutsche Industrieausstellung
in Khartoum, 1961
gelatin silver print
10.5 × 26.5 cm

Hilla Becher
Deutsche Industrieausstellung
in Khartoum, 1961
gelatin silver print
18 × 23.9 cm

Anna Meschiari
Berlin, 2010
c-print
18 × 27 cm

Flor Garduño
Almelita II, 2008
gelatin silver print
40 × 40 cm

Edith Bodenstein
Still life with fruit, 1937
gelatin silver print
21 × 28 cm

Elisabeth Hase
Rose, 1930s
gelatin silver print
18.4 × 15.7 cm

Elizabeth Chiles
Photo #3, 1990
c-print
11.5 × 11.5 cm

Roni Horn
Untitled, 1996-98
c-print
48.5 × 38.5 cm

Catherine Opie
Untitled #5, 1995
platinum print
5.2 × 16 cm

Susi Lindig
Mexico City, 1993
gelatin silver print
58.5 × 39.4 cm

Dodo Jin Ming
Free Element Plate III, 2001
gelatin silver print
40 × 50 cm

Lynn Davis
Untitled (seascape), 1994
selenium toned gelatin silver
print
80 × 80 cm

Vera Lutter
Frankfurt Airport, Hangar 5:
May 14, 2001
gelatin silver print
35.6 × 61 cm

Margaret Bourke-White
United States Airship Akron,
1931
gelatin silver print
44.3 × 58.5 cm